17 Gen

SCROCCARELLS

Prima di incontrarsi con gli amici per parlare dei massimi sistemi, gli umarells studiano e si informano nelle edicole adei centri commerciali o direttamente al bar.
Gli umarells raramente acquistano il giornale nei giorni feriali.

foto di davide capponi
Annunci

18 Risposte to “”

  1. utente anonimo gennaio 17, 2009 a 11:30 pm #

    Cosa farai quando sarai un umarell anche tu? Francamente non trovo divertente questa operazione scioccarella, sa di giovinezza e primavera di bellezza. Insomma, scusa, ma non ti senti un po’ fascista a prendere per il culo i vecchietti?

    Mi piace

  2. utente anonimo gennaio 18, 2009 a 12:05 am #

    Io sono anziano.
    Godo sempre questa sito cosi humoroso.
    È la verità delle vite di tanti vecchi anche.
    Me piace molto.

    Rolly

    Mi piace

  3. utente anonimo gennaio 18, 2009 a 11:27 am #

    Ma fai benissimo invece! In un ipermercato hanno avuto la pessima idea di mettere i giornali a metà. appena aperto c’ero solo io e un umarell che si è letto il giornale per un 10 minuti buoni, l’ha ripiegato e se n’è andato. Attento bene, non aveva ne carrello ne cestino. E’ entrato all’iper solo per leggere il giornale. Altra scena. esami del sangue all’ospedale. LE donne incinta passano davanti. Mia moglie si fa largo tra un numero indefinito di umarell in piedi davanti alla porta (inutilmente tra l’altro perchè chiamano con il numero prograssivo), due umarell la seguono dentro per chiedergli conto e ragione per aver saltato la fila, se ne ritornano indietro imprecando contro mia moglie e il mio futuro erede. NB dopo aver fatto l’esame uno di questi incontra un amico che era seduto affianco a me. scambio di saluti e l’esagitato di prima si siede e dice “ti faccio compagnia tanto stamattina non ho niente da fare”

    Mi piace

  4. maso_ gennaio 18, 2009 a 12:36 pm #

    gli umarells sono dei grandi e questo blog (esiste anche il libro facilmente reperibile in qualsiasi libreria o in line) oltre ad essere un omaggio a loro vuole essere un trattato di sociologia spicciola su questi pilastri della societa’ che spesso aiutano i più giovani a sopravvivere.
    Per essere umarells come quelli qui descritti non e’ una questione di eta’, uno e’ umarell dentro e per questo va studiato.
    Evviva gli umarells e tutti gli umarells uoccers che con i loro scatti forniscono un prezioso servizio alla nazione.

    Mi piace

  5. Ruffetta gennaio 18, 2009 a 11:16 pm #

    Furbo l’umarell!
    Molti dei loro comportamenti sono da prendere davvero d’esempio; sarà una stupidata, ma anche solo avvertire con un cartello che l’asiensore è rotto, è un gesto di buon cuore.
    W l’umarell e il suo essere privo di menefreghismo!

    Mi piace

  6. RominaM gennaio 18, 2009 a 11:55 pm #

    Gli umarells sono molto saggi perché sanno cogliere tutte le occasioni, come appunto quella di leggere gratis (e fanno bene).

    W gli umarells, senza i quali la nostra società sarebbe allo sfascio.

    Mi piace

  7. tonnios gennaio 19, 2009 a 8:46 am #

    adesso che ci penso l’emeroteca della biblioteca di via faenza poi spostata in via genova era sempre fitta di umarells.
    ahh i merviliozi anni novanta…..

    Mi piace

  8. utente anonimo gennaio 19, 2009 a 11:45 am #

    Anche i ragazzetti con pochi soldi leggono a scrocco i manga nelle edicole o nelle fumetterie….e diventeranno umarells che leggeranno il giornale a ufo…Enrica

    Mi piace

  9. marabotto gennaio 19, 2009 a 11:54 am #

    io leggo a scrocco anche da feltrinelli

    Mi piace

  10. tonnios gennaio 19, 2009 a 2:21 pm #

    ok. io mi copiavo su un taccuino gli accordi dagli spartiti nei negozi musicali. la cosa grave è che poi suonavo.

    Mi piace

  11. Muff82 gennaio 19, 2009 a 2:22 pm #

    Seguo il blog da tempo ed è uno dei miei preferiti in assoluto…unico appunto che posso farti…e gli umarells guidatori COL CAPPELLO?!? Ci vuole una sezione dedicata! =) Complimenti

    Mi piace

  12. giale68 gennaio 19, 2009 a 5:53 pm #

    ..in più fasi, io mi sono letta tutto un libro della Littizzetto…….
    ……..un po’ da Feltrinelli, un po’ da Mondadori, un po’ da Giunti, un po’ nei centri commerciali………(X PAR CONDICIO!!!!).
    ….Un giorno una commessa mi disse….’lo prenda..è davvero divertente…’ e io spudorata…’eh..lo so…L’HO GIA’ LETTO!!!!’…..

    Mi piace

  13. maso_ gennaio 19, 2009 a 6:38 pm #

    Scroccare umarell est

    Mi piace

  14. utente anonimo gennaio 20, 2009 a 7:57 pm #

    Ciao Maso.
    Ho scoperto questo sito pochi giorni fa e me lo sono guardato tutto.
    Complimenti per la tenera poesia che trasmetti.
    Mio nonno era uno dei tuoi umarell: era il galantuomo più dolce che esisteva. Aveva carezze per i bambini e i cagnolini, briciole nelle tasche per i passerotti e (poche) parole educate per tutti.
    Sapeva riparare la gomma bucata della bici e con un cacciavite smontava e rimontava un frullatore, aggiustandolo. Quando giocava a briscola gettava con energia le carte sul tavolo.
    Adorava mangiare il “peze” e bere “il sardonnay”. Passava pomeriggi interi in garagg a trafficare.
    Mi ha regalato una caramella alla menta e una carezza sulla testa tutti i giorni, da che mi ricordi.
    Sono sempre stata la sua “nipotina”, anche se é morto che avevo 31 anni, 5 anni fa. Ancora piango per lui, il mio “nonnarell”, il sale della terra.
    Quindi grazie, perchè quando mi manca (a Natale terribilmente), qui lo ritrovo un po’.
    Lucya

    Mi piace

  15. maso_ gennaio 21, 2009 a 7:41 am #

    Grazie del bel ricordarell :-)
    Se avete un umarell in casa o molto vicino a voi, amatelo… Ma anche sopportarelo che a volte sono “pesantissimi” :-)

    Mi piace

  16. utente anonimo gennaio 21, 2009 a 12:06 pm #

    Invito l’anonimo che ha lasciato il suo post piccato all’inizio a guardare bene questo sito, qui il fascismo, anzi fasismo, non c’entra proprio nulla.
    E’ molto affettuoso e ironico. E soprattutto ci ricorda che siamo già umarells, io lo sono, e mi vedo come sarò. Tutto qua. Baldo.

    Mi piace

  17. tonnios gennaio 21, 2009 a 1:02 pm #

    it’s only umarells. but i like it
    (mik giagger)

    Mi piace

  18. utente anonimo gennaio 26, 2009 a 11:15 pm #

    faccio auting anche io…quando scendo all’esselunga, prima di iniziare la spesa, sfoglio due o tre giornali di cucina alla ricerca di una ricetta, leggo bene, tengo tutto a mente..poi, tra una gondola e l’altra, dopo la corsia dei latticini, la scrivo su blocchetto per non dimenticarla. stefi

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: