19 Apr


UMARELLS E PRECARI

Sullo sfondo, uno striscione dei cosiddetti lavoratori precari, in primo piano un gruppo di Umarells a tempo indeterminato.

foto di marialivia
Annunci

2 Risposte to “”

  1. Bufalo70 aprile 19, 2008 a 9:01 pm #

    Grande foto : la causa e l’effetto insieme !

    Mi piace

  2. utente anonimo aprile 21, 2008 a 10:56 am #

    Fratelli carissmi,

    la Grossa Coalizione è finalmente arrivata.

    L’abbiamo sognata, l’abbiamo invocata, l’abbiamo attesa.
    Per lunghe e monotone giornate, per interminabili mesi, che parevano trascorrere nel silenzio e nell’inerzia, per tutta questa stagione stanca e meravigliosa che familiari compassionevoli e medici specializzati ci hanno regalato, noi abbiamo lottato, senza muoverci dalle nostre poltrone, affinchè il miracolo si realizzasse.

    Quanti ci deridevano, allora. Eravamo in pochi a chiamare “zdaura” l’Italia…
    Quanti ci contstavano. “La vecchiaia è mia e la gestisco io”…
    Quanti ci disprezzavano. E insieme a noi i nostri compagni più giovani. “Dovete cedere il posto sul tram. Dovete cedere il posto di lavoro”…

    Stolti.
    Pensavano di poter serrare il pugno sulla vecchiaia. Immaginavano di poterla tenere sempre con sè, come un bene di proprietà. Credevano di potercisi sedere sopra, come sulla liquidazione investita in BOT.
    E non vedevano che il sol dell’avvenire sorge – e tramonta – per tutti. Che ogni essere umano ha diritto alla propria anzianità. Che la pensione o è internazionalista e intergenerazionalista oppure non è affatto.

    Sono stati anni difficili, duri. Gli anni della “caccia al tineger”. Gli anni del “dàgli al zuvnot”.
    Ma anche gli anni dell'”anziano di merda”. Gli anni del “Paese per vecchi”. Gli anni della “casta”.

    Quanti ragazzi, solo perchè nati giovani (senza nemmeno essere stati interpellati), sono stati scagliati da un lato della barricata non dal cuore o dalla prostata, ma dal mero dato anagrafico. Quanti, reclutati dai “Fasci d’età”, sono stati accecati da un odio senza ragione e mandati ad uno scontro che, con il trascorrere del tempo, non avrebbero mai più potuto vincere. Quanti, sedotti dalle cattive compagnie, si sono rifugiati nelle illusioni e nelle droghe: lavoro, mutuo, famiglia, un posto in università…

    Ma noi non abbiamo mollato. Anche quando la sfida sembrava impossibile, anche quando la distanza appariva incolmabile, anche quando il futuro che non ci appartiene sembrava perduto, noi, che conosciamo bene il peso di ogni gesto, non abbiamo lasciato che si affievolisse del tutto la nostra voce, il nostro biascicoso e ripetitivo lamento. Non abbiamo abbandonato il nostro progetto di un’alleanza trasversale. Di una bicamerale con servizi per non-autosufficienti e badante rumena. Di un nuovo grande inciucio intergenerazionale che riportasse al centro la bussola impazzita della politica italiana.

    Ora il conto alla rovescia è terminato.
    Ora quel tempo – che sembrava separarci per sempre – ha conosciuto il suo graund ziro.
    “Zero giorni”.

    Ora siamo qui. Insieme.
    Sotto lo stesso striscione. Sotto lo stesso cielo. Dinnanzi a un unico destino.

    Senza lavoro.
    Vecchiaia per tutti.

    (edo)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: